I tre vasi sorridenti

0

Un giorno, uscendo di casa, ho visto qualcosa che non avevo mai visto prima. Tre vasi sorridenti in mezzo a una strada, su una delle tante rotonde che popolano il mio quartiere. Li hanno piazzati lì i volontari di Retake Roma, un movimento spontaneo di cittadini
impegnato nella lotta contro il degrado, nella valorizzazione dei beni pubblici e nella diffusione del senso civico sul territorio.

Mi sono soffermata a guardarli quei tre simpatici vasi, non riuscendo a trattenere un sorriso.

Nei giorni seguenti li ho guardati spesso. Anzi a dire il vero li ho guardati ogni giorno mettendo piede fuori di casa. Non mi sono ancora stancata di farlo, dopotutto mi regalano un sorriso senza chiedere nulla in cambio.

Mi sono accorta che quasi tutte le persone che ci passano vicino si soffermano. Proprio lì davanti ci ho visto uomini, donne, bambini e anziani. Li guardano, sorridono, scattano foto.

Già, sorridono a tre vasi come se quei vasi potessero vedere ognuno di loro.

A rifletterci sembra assurdo. Che senso ha sorridere a delle cose inanimate? Il fatto è che il sorriso è contagioso, anche se proviene da un semplice vaso. La forza di un sorriso è incontenibile.

Una volta ho persino visto un uomo, probabilmente un senza fissa dimora, girarsi a guardarli di sfuggita mentre camminava. Non so se in quel momento abbia sorriso, io ero dietro di lui, quindi potevo vederlo solo di spalle, ma voglio credere che anche le labbra di quell’uomo, per un istante, si siano allungate in un sorriso.

Senza quei tre vasi forse oggi ci sarebbero stati meno sorrisi. Magari la rotonda avrebbe continuato ad essere testimone soprattutto di persone che camminavano a testa bassa, perse nei loro pensieri, nervose o sgarbate.

Loro invece stanno lì, i vasi sorridenti, e ti invitano quasi a guardarli facendoti sorridere, anche solo per un attimo.

Se indossassimo lo stesso sorriso che indossano quei vasi forse sarebbe tutto più bello. Perché se tu doni un sorriso a qualcun altro con quel sorriso puoi trasformare la sua giornata in qualcosa di speciale. Le persone spesso stanno male, soffrono in silenzio, e ciò di cui hanno più bisogno è appunto un sorriso.

Grazie a chi, come i ragazzi di Retake, si impegna quotidianamente per rendere questa nostra Italia un posto migliore dove vivere.

Leave A Reply